Lakki, un tesoro di architettura razionalista su una sperduta isola greca

Sull'isola greca di Leros, la città è un incontaminato esempio di architettura del ventennio italiano

image
Getty Images

Lakki è un angolo di tempo congelato in mezzo al mar Egeo dove riposa, quasi dimenticata, una delle più esemplari espressioni di architettura razionalista italiana.

La cittadina portuale greca di Lakki sull’isola di Leros, infatti, è uno dei luoghi al mondo che conservano, come pochi altri, numerosi esempi di architettura fascista e razionalista italiana. Nata negli anni Trenta sotto il dominio coloniale con il nome di Portolago, in onore del governatore Mario Lago, Lakki era stata immaginata per essere una base per le navi e gli idrovolanti della Marina e dell'Aeronautica italiana.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Per trasformare un sito paludoso disabitato in una comunità logica e funzionale furono inviati sul posto gli architetti modernisti Armando Bernabiti e Rodolfo Petracco che, nel tentativo di creare la città razionalista ideale, diedero forma a un inimitabile mashup di razionalismo italiano, citazioni art déco e dettagli bizantini.

In termini pratici la città sull'isola del Dodecanneso che vuole essere esempio del razionalismo in architettura è articolata attorno a due grandi piazze, una collocata nel cuore del centro urbano e una realizzata sul lungomare. A collegare questi due spazi aperti, una sorta di Cardo di romana memoria, intersecato da un Decumano e da altre due arterie trasversali.

Getty Images
Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

All’interno della pianta, le funzioni urbane sono sviluppate seguendo il principio dell'architettura razionale dello zoning, accorpate in macro aree direzionali, commerciali e in quartieri residenziali provvisti di strutture scolastiche, religiose e ricreative. Tutto attorno, parchi, ampie strade, filari alberati e isolati dal singolare perimetro arrotondato.

Tra le costruzioni più rappresentative della città di Lakki in Grecia, c’è sicuramente il mercato centrale di Rodolfo Petracco con la sua forma circolare e la torre con l'orologio, uno dei più importanti edifici creati da quella prima stagione del Movimento Moderno. A completarne la struttura, piani circolari concentrici e soluzioni che evocano dettagli antichi all’interno di logiche dalla vocazione avveniristica. Sempre dalla matita di Petracco nascono i disegni dell’asilo comunale, con le sue alte arcate, e della scuola.

Getty Images

Di Bernabiti, sono invece i progetti del cinema-teatro e dell’ex Hotel Roma, con le loro facciate stondate provviste di grandi ingressi simili a boccaporti, il polifunzionale edificio del municipio, la geometrica ex casa del fascio e l’essenziale chiesa di San Francesco.

Completano il paesaggio razionalista di Lakki, una serie di palazzine progettate per gli ufficiali da Bernabiti e Petracco. Costruzioni nelle quali spiccano elementi cubici spezzati da lunghe finestre e da terrazze asimmetriche, distribuite secondo le proporzioni della sezione aurea, tanto care ad alcuni edifici simbolo del Razionalismo Italiano come la casa del Fascio di Giuseppe Terragni a Como

Getty Images
Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Architettura
В интеренете нашел нужный сайт на тематику пигмент для бетона www.kompozit.ua
Этот важный сайт с информацией про https://budmagazin.com.ua.