ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Mjuzieek

Terra Cotta Studio, il laboratorio di un artista della ceramica in Vietnam

I mattoni forati diventano la firma di Tropical Space per il progetto dello studio dello scultore Le Duc Ha, accanto a un fiume, permettendo alla natura di entrare continuamente all'interno dell'edificio

terra-cotta-studio-tropical-space-vietnam

Terra Cotta Studio, il laboratorio progettato da Tropical Space accanto a un fiume alla periferia della città Hội An

Lo studio vietnamita Tropical Space ha tenuto delle esigenze di contatto con la natura di ogni artista per dare vita a un laboratorio di scultura per Le Duc Ha: un volume a forma di cubo composto all'interno da una griglia elaborata di scaffalature di bambù.

Nominato Terra Cotta Studio, l'edificio di sette metri di altezza offre all'artista un luogo dedicato alla creazione di sculture e ceramiche in argilla, nonché alcune sale espositive in ​​cui può mostrare il proprio lavoro.

Il sito si trova accanto a un fiume alla periferia della città costiera del Vietnam Hội An, e le sue quattro pareti integrano tutte una serie di moduli di mattoni forati, che formano alcune finestre quadrate, così come due aperture più grandi come ingressi, posizionati sui lati opposti.

Leggi anche: L'atelier d'artista perfetto è una casa prefabbricata e mobile. Come questa

I mattoni perforati non sono stati scelti solamente per una questione puramente estetica: questi costituiscono delle pareti che non impediscono all'ambiente esterno di entrare nello studio, in modo che l'artista possa sentire il vento, il fresco del fiume e il suono della natura, come se tutto ciò lo avvolgesse.

All'interno, la struttura di bambù a griglia si appoggia su tutte e quattro le pareti, supportando sia il primo piano che il mezzanino del secondo. I suoi moduli quadrati di 60 centimetri integrano degli scaffali per la visualizzazione delle opere d'arte, una scala che porta al piano superiore e delle panchine per riposare, rilassarsi e prendere un the.

Al primo piano troviamo un'apertura circolare nel pavimento, uno degli unici elementi non quadrati nell'edificio, che consente alla luce di entrare dall'alto illuminando il piano di lavoro dell'artista, e consentendo così ai visitatori di osservarlo durante la creazione dai piani superiori.

L'artista e le sue opere interagiscono in questo modo con la luce del sole, dall'alba al tramonto, e i visitatori possono sentire e vedere il tempo che passa attraverso la metamorfosi delle opere in terracotta e il movimento della luce del sole.

Terra Cotta Studio non è solo un atelier d'artista o un laboratorio di ceramica, è un luogo che contiene, contempla e diffonde le emozioni dell'artista con le sue opere finite e non finite, una destinazione da incontrare e condividere per coloro che amano l'argilla e vogliono vivere un'esperienza artistica unica e autentica.


di Essia Sahli / 4 Maggio 2018

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Milano Arch Week 2018

Tutti gli eventi più interessanti del festival d'architettura

architettura, milano, milano arch week 2018

[Architettura]

Tutte le case della Regina

Elisabetta II ha una casa per ogni occasione... o quasi

costume

[Architettura]

Concerti per architetti

In giro per l'Europa alla scoperta di allestimenti scenografici

Travel

[Architettura]

L'hotel di Foster a Hong Kong

Una nuova idea di grand hotel in un palazzo modernista

Travel

[Architettura]

La nuova Royal Academy of Arts

Completato il grande progetto di restyling di David Chipperfield

Edifici Pubblici

[Architettura]

Storia e significato dell’Afrofuturismo

Dopo Black Panther è la nuova parola d’ordine, dalla musica all’architettura

Costume

[Architettura]

Dubai in 17 studi d'architettura

Marc Goodwin racconta con le sue fotografie gli studi di 17 architetti

Costume

[Architettura]

Aires Mateus a Tournai

Una facoltà d'architettura moderna tra i palazzi fiamminghi

Edifici pubblici

[Architettura]

Nuova ville lumière

Si chiama EuropaCity la città del futuro a Parigi nel 2024

Progetti

©2018 mjuzieek.info - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. | Milano, 6, Zero, MILANO – ITALY

| | |