Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie.

La casa galleggiante a forma di piramide, da comporre a piacere

Waya è un'architettura modulare pensata per stare a contatto con l'acqua e vivere il mare a 360 gradi. Un concept futuristico e, ovviamente, completamente autosufficiente

www.waya.it

Una di queste è l'ultima casa galleggiante ideata dal Pierpaolo Lazzarini, Waya.

Ispirate sia alle antiche piramide Maya che ai tempi giapponesi, e ovviamente agli yacht di lusso, queste architetture vengono costruite su piattaforme galleggianti e realizzate in fibra di vetro, carbonio e acciaio. Interamente modulari, ogni livello può essere aggiunto una volta che il basamento è stato ancorato alla sua posizione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Questi, per le piramidi più grandi, sono ampi ben 3.000 metri quadrati, possono essere sormontati sino a dieci pieni e prevedono una porta d'ingresso per barche. Per chi ama i giochi acquatici inoltre, possono essere installati scivoli e cascate che precipitano giù dai livelli superiori.

Altre case galleggianti Waya di grandi dimensioni possono contenere addirittura dei campi sportivi galleggianti, mentre quelle più piccole possono ospitare camere separate e bar.

Ci sono delle barche che sono anche delle case galleggianti, e delle case che prendono ispirazione dalle barche per i propri interior.

Ma esistono anche delle abitazioni che sono una perfetta via di mezzo, e che stanno diventando dei concept sempre più futuristici, a partire da ciò che le rende completamente autosufficienti.

www.waya.it
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
www.waya.it

Ogni grande piramide galleggiante avrebbe un motore e propulsore nel seminterrato, per manovrare indipendentemente la struttura.

L'idea di Waya è nata per creare una nuova esperienza di vita in mare aperto completamente sostenibile, dai pannelli solari alle turbine idrauliche per generare energia, sino al dissalatore per fornire un approvvigionamento idrico, e ai giardini galleggianti che potrebbero essere usati per coltivare cibo.

Il progetto è sostenuto da un crowdfunding per costruire il primo modulo di soli due piani, consentendo ai potenziali ospiti di preordinare un soggiorno nella camera d'albergo galleggiante e far conoscere da vicino il concept. Un'idea che, se avrà successo, potrà dare vita a dei veri e propri villaggi sull'acqua provvisti di ogni cosa, dal cibo all'intrattenimento.

www.waya.it

In apertura: WAYA, L'ARCHITETTURA MODULARE GALLEGGIANTE IDEATA DA PIERPAOLO LAZZARINI

Pubblicità - Continua a leggere di seguito