Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo

Il FuoriSalone è #nowaste: tutti i progetti di upcycling che abbiamo visto quest'anno

Designer, scuole e gallerie uniscono le forze per liberare il mondo dai rifiuti, trasformandoli in risorse preziose per il design

Il FuoriSalone è #nowaste: tutti i progetti di upcycling che abbiamo visto quest'anno
© ALDWIN VAN KRIMPEN

Senza dubbio, uno degli hashtag di questo Fuorisalone 2018 è #nowaste.

Negli ultimi anni, designer, scuole e persino aziende di grandi dimensioni e importanti gallerie di design stanno unendo le forze per promuovere una nuova era progettuale libera dagli sprechi, incoraggiando l’adozione di soluzioni innovative di upcycling ed economia circolare.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Nato come un movimento grassroots, lo zero-waste si sta finalmente estendendo a tutti i campi della progettazione, in particolare a quelli legati ai prodotti tessili e plastici.

La mostra DesignWork curata da Lidewij Edelkoort e Philip Fimmano. Foto courtesy DesignWork
© Ruy Teixeira​​
La mostra DesignWork curata da Lidewij Edelkoort e Philip Fimmano. Foto courtesy DesignWork
© Ruy Teixeira​​
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

In occasione della Milano Design Week 2018, l'azienda di abbigliamento femminile Eileen Fisher, pioniera nel campo del riciclo creativo, lancia DesignWork.

L'iniziativa, che mira a trasformare capi usati in una collezione di tessuti per la casa, si presenta con una grande mostra dal titolo "Waste no more" curata da Lidewij Edelkoort e Philip Fimmano. Ospitata presso gli spazi di Ventura Centrale, porta all’attenzione del grande pubblico la bellezza dei tessuti scartati e riciclati, incoraggiando così una nuova "cultura dei rifiuti".

La collezione Colour studies di Jo Nagasaka
Foto courtesy Really​​
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Dopo il successo della sua collaborazione con il designer britannico Max Lamb al Fuorisalone 2017, l'azienda danese Really presenta invece quest'anno una nuova mostra a Brera, intitolata "Circular by Design". Il progetto, che riunisce sette designer internazionali - dal Giappone agli Stati Uniti - non mira solo a testare i materiali realizzati con tessuti riciclati dell'azienda, ma suggerisce anche che una nuova economia è davvero possibile.

Attraverso i loro progetti, Really ed Eileen Fisher dimostrano che un utilizzo circolare delle risorse è gestibile su larga scala e che si possono incoraggiare processi di riciclo creativo, sensibilizzando gli utenti attraverso progetti dall’impatto estetico accattivante.

Le lampade in plastica di Crafting plastics!. Foto courtesy Crafting plastics!
© Dana Tomechko
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Se i rifiuti tessili sono un problema, quelli plastici lo sono forse ancora di più. O comunque lo sono in maniera più mediatica. Non deve sorprendere quindi che la tematica abbia una cassa di risonanza importante come la Galleria Rossana Orlandi, che con la mostra Senso di Colpa intende sollevare la questione all’interno del mondo del design.

In una foto pubblicata dal giornalista Marcus Fair su Instagram nei giorni precedenti la Milano Design Week, la gallerista milanese è apparsa con in mano un foglio di carta su cui era scritto “Make plastic guiltless”. Tra i tanti progetti selezionati da Orlandi si distingue la divertente serie di applique in plastica multicolore realizzata dallo studio slovacco-tedesco Crafting plastics!.

Il sistema mobile Trashpresso.
Foto courtesy Miniwiz​​

Con il suo progetto Trashpresso - in Piazza del Cannone - l'azienda taiwanese Miniwiz tenta di dare la sua risposta alla problematica dei rifiuti con quello che dichiara essere il primo sistema mobile per il riciclo di plastica e tessuti alimentato a energia solare. Lo strumento, che trasforma gli scarti in piastrelle architettoniche, si pone come obiettivo quello di raggiungere anche le comunità rurali isolate di tutto il mondo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
La mostra Mutant Matter di Dutch Invertuals a Spazio O’. Foto courtesy Dutch Invertuals
© Ronald Smits​

All’Isola Design District il gruppo’###a>

Sembrano cogliere l’invito dei connazionali al volo il designer Diederik Schneemann e il fotografo Aldwin van Krimpenche, presso il FuturDome, presentano Rubdish - un neologismo coniato a partire dai termini inglesi rubbish (pattumiera) e dish (piatto) - un’esplorazione estetica e concettuale che mescola rifiuti e food design, strizzando forse l’occhio all’artista francese Arman e alle sue opere Poubelles degli anni sessanta.

Il progetto Rubdish di Diederik Schneemann e Aldwin van Krimpen
© Aldwin van Krimpen​
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Chissà cosa ci riserva il futuro? Nel frattempo, sperando in un mondo completamente waste-free, guardiamo con curiosità e fiducia crescente anche alle attuali ricerche sulle fibre naturali biodegradabili come ###b

A indicare la rotta ci sono progetti come Sea Me dell’olandese Nienke Hoogvliet o le bottiglie Algae dell’islandese Ari Jonsson, che sperimentano l’utilizzo delle alghe marine in contesti nuovi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
cucina Maris Free by Dror per Franke Riportare la natura in cucina

piastrelle abk group THE NEW FORMS OF WELLNESS

cesar cucina Il cuore (della casa) è in cucina
itlas bagni in legno WOOD TOTAL LOOK FOR THE BATHROOM