PERCHÉ JEFF KOONS HA PORTATO UNA BALLERINA AL ROCKFELLER CENTER?

Una gigantesca fanciulla di nylon, alta 13 metri, con tutù e scarpette azzurre nel centro di Manhattan

image
Tom Powel Imaging

C'è una ballerina ai piedi del Rockefeller Center di Manhattan. Non una qualsiasi, appena scesa da un palco di Broadway dopo un matinée, ma una sfolgorante, gigantesca fanciulla di nylon, alta 13 metri, con tutù e scarpette azzurre.

Imponente e aggraziata insieme, l'installazione nasce dalla collaborazione tra Kiehl's e Art Production Fund per promuovere il National Missing Children's Month, e porta la firma di Jeff Koons, artista iconico noto proprio per le sue sculture gonfiabili, come il celeberrimo Balloon Dog, venduto da Christie’s a quasi 60 milioni di dollari.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
© Jeff Koons
Tom Powel Imaging

Femminilità, bellezza e quiete: questi i valori incarnati dalla ballerina, adagiata sul suo sgabello come una Venere senza tempo. Un’immagine cara all’artista, che già in passato aveva omaggiato la dea romana con altre due ballerine, di dimensioni più ridotte.

La scultura vuole trasmettere anche un messaggio di interconnessione e speranza: la superficie riflettente invita i passanti a specchiarsi, assorbendo un po’ di quella bellezza, facendola propria. La monumentalità esprime potenziale: guarda quanto grande puoi diventare, sembra dirci. E la stessa scelta del materiale rafforza il concetto. La scultura si gonfia come i nostri polmoni quando prendiamo un bel respiro: un atto profondamente vitale, che simboleggia energia e ottimismo.

E allora non resta che lasciarsi sedurre dalla forza delicata e prorompente di questa Seated Ballerina, che sosterà in mezzo ai grattacieli fino al prossimo 2 giugno.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
www.medicaments-24.com/viagra-sildenafil/viagra-25-mg/

https://make-up.kiev.ua

цена сои